Valentino Rossi con il padre Graziano
MotoGP News: ultime notizie sul Motomondiale

Valentino Rossi, il padre Graziano è ricoverato in ospedale a Fano

Ore di paura e tensione per Valentino Rossi. Il padre Graziano è ricoverato in ospedale a Fano, ma, fortunatamente, le sue condizioni non sono gravi

Non è un periodo facile per Valentino Rossi. Nonostante le tantissime manifestazioni d’affetto nei suoi confronti, non può non esserci il velo di tristezza per l’addio definitivo alla MotoGP. Da ieri, inoltre, papà Graziano è ricoverato in ospedale a Fano nel reparto di Neurologia. Momenti di paura e di tensione per il nove volte campione del mondo, a rassicurarlo sono le parole dei medici, secondo i quali le condizioni del padre non sono gravi. Il 67enne resterà comunque sotto osservazione per qualche giorno, dopo esser arrivato in ambulanza in codice verde in seguito ad una prima visita effettuata all’ospedale di Pesaro.

Il codice verde riguarda i pazienti che riportano lesioni o problemi in punti non vitali, ma che allo stesso tempo necessitano di essere curati. Il quadro clinico di Graziano Rossi sarà più chiaro e definito nelle prossime ore, è questo il motivo per il quale i medici hanno deciso di tenerlo sotto osservazione per un po’ di tempo. Da quello che traspare, potrebbe trattarsi di qualche frattura o trauma minore. Tutti siamo in apprensione per Graziano, che ha trasmesso la sua passione per le moto al figlio, contribuendo alla crescita di un vero fenomeno di questo sport.

Il classe 1954 si affaccia alla ribalta del motociclismo negli anni ’70. Esordisce nel motomondiale nel 1977 al Gran Premio delle Nazioni. Due anni più tardi, con la Morbidelli, ottiene un unico piazzamento tra i primi dieci anche in classe 250, dopo averlo raggiunto in classe 500. Nel mondiale arriva terzo, chiude la stagione dietro a Kork Ballington e a Gregg Hansford. Nel 1980 viene ufficialmente ingaggiato dalla Suzuki insieme a Lucchinelli, ma a fine anno non viene riconfermato a causa di un brutto incidente che ne condiziona pesantemente la stagione. L’anno seguente, con lo stesso team, è proprio Lucchinelli a vincere il mondiale.

Nel 1982 gareggia con una Yamaha del team Agostini. Nella gara del campionato italiano velocità nella classe 500, fa un grave incidente e si salva solo grazie all’intervento tempestivo dei medici. A quel punto decide di mollare definitivamente la sua esperienza in moto, dedicandosi al campionato mondiale rally. Graziano Rossi non ottiene i risultati sperati, per questo motivo decide di ritirarsi. Il legame con Valentino è fortissimo, a stento è riuscito a contenere l’emozione dopo il ritiro di suo figlio. Di seguito le sue dichiarazioni, rilasciate qualche settimana fa:

“Adesso sono solo emozionato. Ho ascoltato l’annuncio di Valentino e per la prima volta mi sono detto che forse, ecco, forse è stato il più forte di tutti. Lo penso e lo dico ora che smette perché sino a quando si è in pista è meglio non montarsi la testa e tenere i piedi per terra. Io personalmente avrei voluto stargli più vicino, avere un rapporto migliore come capita a molti padri separati. Ma l’amore è sempre stato più forte di ogni altro sentimento. Lui andrà avanti ad impegnarsi e a divertirsi. Uno che per trent’anni ha combattuto per vincere, cosa crede che possa fare? Continuare a seguire la propria natura. La sua corsa non è finita. Avrà tanto da fare. Con il nuovo team, con i ragazzi dell’Academy, con le corse in macchina. Anzi, penso ad un altro sogno pronto per lui: trasformare le gara automobilistiche di durata, come la 24 Ore di Le Mans, in eventi più popolari e seguiti dagli appassionati. Potrebbe persino riuscirci”.

Valentino Rossi, il padre Graziano è ricoverato in ospedale a Fano
To Top