red bull
Senza categoria

Red Bull e la corsa al secondo volante: Hulkenberg, Perez o tenere Albon

La scuderia austriaca è a un bivio per decidere la line-up della prossima stagione. Se Max Verstappen ha il sedile assicurato, non è così per il suo compagno di squadra

La Formula 1 è pronta a tornare in pista dopo la settimana di riposo a seguito del GP di Turchia. Il mondiale piloti si è deciso proprio nell’ultima gara. Quello costruttori, a livello di vincitore, è terminato a Imola, ma è ancora lotta aperta per la terza posizione, con ben quattro scuderie in corsa. Se la giocano, infatti, Racing Point, al momento terza, Renault, McLaren e Ferrari. La seconda posizione, invece, se l’è aggiudicata la Red Bull, che avrà altri 3 gran premi a disposizione per confermare quanto di buono visto sinora e, soprattutto, prendere una decisione importante.

Parliamo, infatti, del problema riguardante la scelta del secondo pilota per la stagione 2021. Max Verstappen, manco a dirlo, è più che certo del proprio posto da prima guida della scuderia austriaca. Il dilemma riguarda chi sarà ad affiancare l’olandese a partire dal prossimo mondiale. Questo perché i risultati messi in pista da Alexander Albon non hanno convinto tutti. Certo, qualche piazzamento importante è arrivato, compreso un podio al Mugello. Il thailandese, però, ha spesso alternato sorpassi da veterano a errori da matricola, che ne hanno pregiudicato diversi gran premi. Un andamento, quindi, che non sta dando certezze ai vertici di Red Bull, che pensano ad un eventuale piano di riserva. Dalla parte di Albon ci sono ancora i due GP del Bahrain e quello di Abu Dhabi per mostrare alla squadra di meritarsi il posto.

Qualora non dovessero arrivare i risultati sperati, allora sì che l’attuale seconda guida dovrebbe iniziare a preoccuparsi. Questo perché la concorrenza non manca ed è spietata. Red Bull, infatti, ha sondato almeno altre due piste alternative ad Albon. Parliamo di Niko Hulkenberg e Sergio Perez, attualmente entrambi alla Racing Point. Il primo è stato chiamato in causa nei due casi di emergenza per le assenze proprio del messicano e di Stroll, mettendo in pista ottimi risultati. Nel secondo appuntamento di Silverstone, infatti, il tedesco si è piazzato settimo, mentre al Nurburgring ha chiuso ottavo, nonostante avesse girato solo in qualifica. Si tratta di un pilota di esperienza, abituato al ruolo di gregario, che potrebbe fare al caso di Verstappen e della squadra per portare a casa piazzamenti importanti.

Perez, invece, è attualmente il secondo pilota della Racing Point e, nonostante sappia già di essere fuori dal team nel 2021, sta mettendo in pista tutta la sua esperienza. Il secondo posto della Turchia ne dimostra la bravura a guidare anche in condizioni variabili e ai limiti del possibile. Il messicano non meriterebbe di essere appiedato dalla prossima stagione di Formula 1 e considera Red Bull l’unica opzione possibile per continuare a correre:

“C’è solo un’opzione. Sono qui da tanti anni, voglio andare avanti, sono all’apice della mia carriera e voglio farlo con un progetto che mi convinca. In questo momento la situazione è fuori dal mio controllo, stiamo aspettando la decisione della Red Bull. Per cui mi approccio alle ultime tre gare come sempre, concentrandomi sul lavoro al massimo, più di questo non posso fare”

Red Bull e la corsa al secondo volante: Hulkenberg, Perez o tenere Albon
To Top