Portimao GP
Senza categoria

Portimao GP: trionfa Oliveira, Morbidelli vicecampione del mondo

Il portoghese domina la gara di casa dal primo giro e vince davanti a Miller e Morbidelli. Out Mir, sesto Dovizioso alla sua ultima in MotoGP. Ducati campione del mondo, così come Bastianini in Moto 2. Arenas vince il titolo della Moto 3 per 4 punti su Arbolino

Il Motomondiale 2020 si conclude in Portogallo. L’ultima gara della stagione ha visto l’assolo del padrone di casa Miguel Oliveira, che ha lasciato solo le briciole a tutti gli altri. Secondo Miller, terzo Morbidelli, vicecampione del mondo. Ma andiamo con ordine. Al via, il portoghese mette subito le cose in chiaro e scappa dopo due settori. Morbidelli segue insieme a Miller, staccando il gruppone in lotta per la quarta piazza, comandato da Cal Crutchlow. A rilento, invece, le Suzuki, le Yamaha e Quartararo. Peccato per Pecco Bagnaia, costretto a ritirarsi subito dal Portimao GP per un problema alla spalla causato da uno scontro involontario con Mir.

Pochi giri e Oliveira è già oltre la soglia dei due secondi di vantaggio. Arriverà a conquistarne quasi 5 come massimo distacco. Dietro, la battaglia tra Morbidelli e Miller, come a Valencia, non si accende prima del finale, mentre il campione del mondo in carica, Mir, è costretto al ritiro per un problema elettronico alla sua Suzuki. Rimonta, invece, Dovizioso, che dalla metà del Portimao GP in poi riesce a recuperare diverse posizioni, fino alla quinta piazza. Chiuderà sesto a causa del ritorno di Nakagami. Quartararo, invece, affonda nelle retrovie. Leggermente meglio va a Valentino Rossi che, dopo un inizio in difficoltà, trova un buon ritmo e riesce a stare con il gruppo che va dalla settima alla dodicesima posizione, con la quale chiuderà oggi.

Pol Espargarò, invece, dopo un piccolo errore riesce subito a rimettersi in riga e a prendere distanza dal gruppo in lotta per la quarta posizione. Bene anche Stefan Bradl che resiste in settima, alle spalle di Dovizioso e davanti a Aleix Espargarò, Zarco, Vinales e Rossi. Rins, invece, entra in crisi nei giri finali e arretra fino alla quindicesima posizione, dicendo addio alle possibilità di chiudere in seconda piazza nel mondiale piloti. Oliveira vince il Portimao GP di forza, mentre Miller accende la miccia del duello nelle ultime curve, riuscendo, stavolta, a sopravanzare Morbidelli. L’italiano della Yamaha Petronas prova a resistere ma non contiene l’australiano. Chiude terzo, ma pur sempre vicecampione del mondo. Grazie al piazzamento della Pramac di Miller, la Ducati conquista il titolo costruttori 2020.

Nelle altre serie, invece, il mondiale si è deciso solo con il Portimao GP. In Moto 3, Arenas vince per sole quattro lunghezze su Tony Arbolino. L’italiano, partito 27esimo, ha chiuso la gara quinto, ma non è riuscito nell’impresa di portare a casa il mondiale, nonostante il diretto rivale abbia rischiato più volte di finire out e abbia chiuso 12esimo. Lieto fine, invece, in Moto 2, dove Enea Bastianini si è laureato campione del mondo. Il pilota di Rimini ha chiuso la gara in quinta posizione e ha mantenuto qualche punto di vantaggio su Luca Marini, oggi secondo, e Lowes, terzo. Hanno vinto le rispettive gare, invece, Fernandez nell’ex 125 e Gardner nell’ex 250. Arrivederci alla prossima stagione!

Portimao GP: trionfa Oliveira, Morbidelli vicecampione del mondo
To Top