Hamilton GP Sochi Pioggia 2021
F1 News: ultime notizie sulla Formula 1

Pioggia protagonista in Russia, alla fine è Hamilton a spuntarla

Nel GP di Sochi, il maltempo sconvolge gli ultimi giri della gara, rivoluzionando la classifica finale e permettendo all’inglese di trionfare, per la centesima volta in carriera, davanti a Verstappen, incredibilmente secondo. Chiude il podio Sainz. Rovinano la propria gara Leclerc e Norris non fermandosi

Un GP che sicuramente si stava svolgendo su ottimi ritmi di intensità, ma che è diventato avvincente soprattutto nelle ultime battute, quando a farla da padrona è stata lei: la pioggia. L’acqua inizialmente sembrava non dover cadere in quel di Sochi. Le previsioni meteo dei radar a bordo pista, infatti, mostravano la perturbazione allontanarsi dal circuito e non avvicinarsi. I rovesci visibili all’orizzonte, invece, si sono riversati d’improvviso sul tracciato, rivoluzionando completamente la classifica finale, che ha visto Lewis Hamilton salire per la centesima volta in carriera sul gradino più alto del podio. Ma andiamo con ordine. Al via, nonostante uno scatto che sembrava non eccellente, Carlos Sainz si mette in scia a Norris e viene affiancato da Russell.

La Ferrari dello spagnolo, però, sfrutta bene entrambe le scie e si mette al comando del GP di Russia dopo la prima curva. Norris segue con fatica all’inizio, ma le gomme dell’ex compagno in McLaren iniziano a degradare molto prima del previsto. L’inglese, così, si riavvicina e sorpassa la Rossa, costretta a rientrare ai box. Sembra una gara rovinata per Sainz. Dietro il duo di testa, Hamilton fatica a sopravanzare Ricciardo, con Perez che lo tallona da molto vicino e Alonso che si unisce alla festa. Nelle retrovie, invece, Leclerc recupera al via diverse posizioni, mentre Bottas non riesce a trattenere Verstappen a lungo. L’olandese, però, si avvicina solo grazie ai pitstop a quelli davanti.

Norris vola, mentre Hamilton inizia ad accendersi solamente dopo il cambio gomme, sfruttando anche le difficoltà di Ferrari e McLaren con i pit-stop. Non perfetta neanche la Red Bull con Perez, mentre tutto sembra filare liscio con Verstappen. L’olandese, una volta liberatosi di Alonso, va a riprendere il trenino dove inizialmente c’è anche Hamilton, il quale si mette in testa di vincere la gara. Missione semi impossibile, ma che con gomma nuova si trasforma in una realtà raggiungibile. Anche Leclerc torna a vita con le medie e si avvicina alle zone più nobili della classifica. Il tutto procede liscio fino all’arrivo improvviso della pioggia.

Inizialmente si tratta di una pioggia molto leggera, tanto che Norris via radio fa capire di non voler rientrare per alcun motivo al mondo. Dopo qualche giro, però, l’acqua inizia a cadere insistentemente al suolo e Hamilton opta per le intermedie. Stessa cosa fanno Verstappen, Sainz e Bottas, mentre Norris, Leclerc e Perez continuano imperterriti. Una scelta che non paga, dato che la pista con le gomme d’asciutto diventa impraticabile e tutti e 3 vanno più volte lunghi. Alla fine Hamilton fa 100 anche nelle vittorie, mentre Verstappen riduce i danni al minimo chiudendo incredibilmente secondo. Terzo Sainz, quinto il criticatissimo Bottas.

Pioggia protagonista in Russia, alla fine è Hamilton a spuntarla
To Top