Petronas
MotoGP News: ultime notizie sul Motomondiale

Petronas non ha più dubbi su Rossi, Ducati, invece, ne ha su Dovizioso

Il numero uno della scuderia malese, Razali, non ha più dubbi su Valentino, dopo il podio dell’AndaluciaGP, mentre Tardozzi è deluso dal sesto posto di Dovizioso. Il rinnovo del vicecampione del mondo non è più così sicuro

Il Motomondiale è iniziato con il doppio appuntamento sul circuito Angel Nieto. Sia nello Spanish GP, che nell’AndaluciaGP il risultato è stato il medesimo, almeno per il vincitore. In entrambi i casi, infatti, ha vinto Fabio Quartararo. Il francese ha dominato le prime due gare stagionali, anche se nella prima è stato agevolato dalla caduta di Marc Marquez, che potrebbe rientrare a Brno, dopo il vano tentativo di correre in Andalusia. Una Yamaha Petronas che vola, dunque, e che sorride guardando al podio del secondo Gran Premio del mondiale, sul quale è salito anche Valentino Rossi.

Il dottore ha sbalordito un po’ tutti, riuscendo a mantenere per gran parte della gara il secondo posto dietro al fuggitivo Quartararo, salvo poi cedere agli attacchi di Vinales nel penultimo giro. Una corsa oltre i limiti anagrafici, specialmente per il gran caldo, che ha entusiasmato i vertici di Petronas. Su tutti Razlan Razali. Il numero uno del team malese ha, però, ammesso di aver nutrito seri dubbi sulla possibilità di sostituire il talento francese con l’esperto pilota di Tavullia. Specie perché Rossi compirà a febbraio 42 anni. Nelle prossime settimane, invece, è attesa la firma con tanto di annuncio, come lascia capire anche lo stesso Razali:

“Siamo la Petronas e facciamo scelte improntate sul business, ma non possiamo ignorare i tifosi, che magari vorrebbero un pilota locale. Non è una scelta obbligata, ma lui non è un pilota normale. C’è voluto tempo per essere sicuri, ma quello che ha fatto domenica ha reso le cose più semplici per dire agli azionisti perché abbiamo scelto Valentino Rossi. Non vogliamo che il nostro team sia famoso per Valentino. Vogliamo che chiunque corra con noi faccia risultato… Non vogliamo essere popolari perché c’è lui, ma contribuire a renderlo competitivo anche alla sua età. Dopo aver parlato con lui e il suo staff, stiamo capendo cosa gli serve”

Se Petronas, dunque, sembra sicura di ingaggiare Rossi, non si può altrettanto dire di Ducati con il rinnovo del contratto di Dovizioso. Dopo il podio conquistato nello SpanishGP, il forlivese non ha atteso le aspettative nella replica sul medesimo circuito, chiudendo solo al sesto posto. Ad alimentare voci di divorzio, poi, è Davide Tardozzi, team manager di Ducati Corse, che si è fatto sentire con delle dichiarazioni che non lasciano spazio a molti dubbi:

“Direi che il risultato complessivo è decisamente negativo. Ci aspettavamo qualcosa di più da Dovi, che sono assolutamente sicuro possa lottare per il titolo MotoGP”

Per Dovizioso sarà, dunque, necessario dimostrare che si è trattato di un piccolo passo falso, mettendo in pista delle prestazioni convincenti a Brno e in Austria. In caso di ulteriore fallimento, Ducati potrebbe interrompere immediatamente il tavolo delle trattative con il vicecampione del mondo di MotoGP. Una situazione opposta rispetto a quella di Petronas.

Petronas non ha più dubbi su Rossi, Ducati, invece, ne ha su Dovizioso
To Top