Francesco Guidotti
MotoGP News: ultime notizie sul Motomondiale

Ktm, Guidotti: “A fine anno l’obiettivo dev’essere la top 5 nel mondiale”

Francesco Guidotti, nuovo team manager della Ktm, ha parlato degli obiettivi stagionali della scuderia e del suo arrivo all’interno del team

Tra le scuderie che vogliono salire ai vertici della classifica del mondiale di MotoGP c’è anche la Ktm. Il team austriaco, dopo le vittorie in Moto3, Moto2 e dopo il sesto posto ottenuto nella massima serie, desidera continuare il suo percorso di crescita. A tal proposito, dopo il lancio della nuova moto che vedremo durante i Gran Premi di quest’anno, Pit Beirer, direttore della Motorsport Ktm, ha già messo in chiaro gli obiettivi stagionali. Di seguito le sue dichiarazioni:

“Il 2021 è stata la stagione sportiva di maggior successo di sempre nel nostro gruppo, dalla vittoria nel mondiale Moto3 e Moto2, fino al 6° posto in MotoGP ed è super motivante per il futuro. Quando inizi un progetto come questo in MotoGP, vuoi vincere una gara, ma farlo è uno sforzo incredibile e duro. In un fine settimana vinci, ma nel successivo lotti per entrare nella Q2 perché la lotta è serrata. Il nostro obiettivo è di essere costantemente nella top 5, in ogni weekend e di lottare per il podio nella classifica finale di stagione. È un target molto alto, ma questo deve essere l’obiettivo, perché siamo forti e abbiamo la squadra, la base tecnica, la moto e i piloti”.

Non si nasconde neanche Francesco Guidotti, che, arrivato dalla Ducati Pramac, è diventato ufficialmente il nuovo team manager della Ktm:

“È importante fare meglio dell’anno precedente e quindi servono risultati più consistenti, più costanza nelle prime cinque posizioni e sul podio e uno sviluppo della moto che renda felici i piloti, per dare loro il giusto feeling e la fiducia per raggiungere questi risultati. Hanno 2-3 anni di esperienza in questa categoria ed è il momento giusto per usarla. Inoltre, hanno già vinto alcune gare. Abilità e potenziale ci sono, ma dobbiamo vederli più regolarmente. La Ktm negli ultimi 5 anni ha ottenuto risultati incredibili, è notevole quello che ha ottenuto partendo da zero e vogliamo continuare così. A fine anno la top 5 nel mondiale deve essere l’obiettivo”.

Guidotti, tornando anche sul suo passato, ha spiegato i motivi della decisione di lasciare la Ducati Pramac e ha illustrato la sua nuova sfida:

“Ho lasciato una realtà che avevo contribuito a far crescere e non è stato facile. Non avevo alcun problema in Pramac, né tantomeno con la Ducati, che non mi ha fatto alcuna controproposta, ma la realtà di un team factory è speciale e ti coinvolge di più. Qui in Ktm mi hanno offerto una posizione che in Ducati non avrei mai potuto avere. Non sono il boss che può cambiare quello che vuole perché devo riferire a Pit che decide, però sono coinvolto in prima linea. Non decido per me, ma per la Ktm, ne sarò il punto di riferimento sportivo in pista, farò un po’ da collegamento fra azienda e squadra ed è una sfida nuova. Il progetto è giovane, ma molto ben strutturato. Da quel poco che ho potuto vedere in alcune aree credevo ci fosse più organizzazione e in altre meno, ma c’è davvero un grande potenziale”.

Ktm, Guidotti: “A fine anno l’obiettivo dev’essere la top 5 nel mondiale”
To Top