Helmut Marko
F1 News: ultime notizie sulla Formula 1

Helmut Marko e la crisi economica: chiede una riduzione degli ingaggi dei piloti

Il consigliere di Red Bull fa i conti con la crisi economica attuale. Oltre al taglio del budget cup, chiede quello degli stipendi dei piloti, sempre più onerosi sulle casse delle scuderie

La Formula 1 è ripartita con lo spettacolo delle prime tre gare, tutte vinte da piloti Mercedes. In Austria si è affermato Bottas, nel GP di Stiria è stata la volta di Hamilton. Il britannico, poi, si è ripetuto in Ungheria, dove ha dominato dal primo all’ultimo giro. Un trionfo Mercedes, con le Ferrari lontane, ad eccezione del podio in Austria, e vogliose di riscatto dopo gli ultimi cambiamenti in fabbrica a Maranello. Tra le Frecce d’Argento, però, c’è stato spesso e volentieri il terzo incomodo: Max Verstappen su Red Bull. A proposito della scuderia austriaca, il suo consigliere Helmut Marko sta provando a far ragionare tutti sulla questione della crisi economica.

Il Coronavirus non ha di certo fermato la voglia della Formula 1 di ripartire, ma è innegabile che anche il circus automobilistico debba fare i conti con la crisi economica da Covid-19. Sono molti gli introiti che mancheranno dalle gare che si correranno a porte chiuse, così come quelli provenienti dai circuiti che dovranno rimanere deserti per quest’anno. A fronte del ritorno di Nurburgring, Imola e l’esordio di Portimao e Mugello, ci sono le ufficiali cancellazioni dei tre GP americani. Non faranno parte del calendario 2020, infatti, Brasile, Texas e Messico. Bisogna, dunque, fare i conti e cercare di limitare le spese il più possibile. Il taglio sul budget cup, su cui si è trovato l’accordo tra tutte le scuderie, non può bastare da solo. Da qui l’idea di Helmut Marko.

Per il consigliere di Red Bull bisogna fare un passo in avanti, toccando anche gli stipendi dei piloti. Gli ingaggi, infatti, stanno diventando sempre più elevati. Basti pensare che Hamilton ha chiesto un aumento a Mercedes dai 45 milioni di dollari attuali a 50 milioni. Una richiesta che per alcuni colleghi, Grosjean su tutti, rimane ai limiti della follia, specie in un momento come questo. Da qui la considerazione di Helmut Marko di tagliare le remunerazioni ai piloti. Anche il suo pupillo nella scuderia austriaca, Max Verstappen, percepisce 35 milioni di euro a stagione. Non sarà facile, dunque, convincere i top drivers a cedere alle necessità di risparmio.

Helmut Marko, però, non si arrende e rilancia questa proposta per il futuro prossimo. Non è detto, anzi, che sul tavolo della Federazione possa arrivare anche questo tema a breve, come auspicato dal dirigente della Red Bull. Queste alcune delle sue dichiarazioni a riguardo, rilasciate al sito tedesco Auto Motor und Sport:

“Se Mercedes non paga lo stipendio a Hamilton lo farà qualcun altro. Per esempio, Petronas potrebbe dare meno soldi alla scuderia e più al pilota. Per questo penso sia cruciale un tetto agli stipendi dei piloti. Le loro qualità stanno diventando sempre più decisive e per trattenerli occorreranno investimenti sempre più sostanziosi. Bisogna fare qualcosa al riguardo il prima possibile, pur rispettando i contratti in vigore”

Helmut Marko e la crisi economica: chiede una riduzione degli ingaggi dei piloti
To Top