F1 News: ultime notizie sulla Formula 1

Gran Premio d’Austria, Ferrari costretta a rincorrere Mercedes e Red Bull

Stando a quanto trapela da Maranello, il Cavallino Rampante non porterà grandi aggiornamenti alla SF 1000 e sarà costretto a inseguire le dirette rivali per il titolo

Finalmente ci siamo. L’attesa sta per finire. Si torna ad una parvenza di normalità anche nel motorsport. La prima a riaprire i battenti sarà la Formula 1. Due gare consecutive sul medesimo circuito, il Red Bull Ring, che daranno vita al doppio Gran Premio d’Austria 2020. Non essendo state modificate le caratteristiche del tracciato per motivi di sicurezza, è probabile che le corse saranno piuttosto simili tra loro. Specialmente per quanto riguarda i valori in pista. Da valutare, soprattutto, le potenzialità dei tre top team: Mercedes, Red Bull e Ferrari.

La situazione appare subito chiara. La scuderia tedesca sembra ancora una volta quella da battere nel Gran Premio d’Austria. Questo a causa del grande potenziale della monoposto di Stoccarda. Favorita sì, ma non senza qualche piccolo patema d’animo. Toto Wolff, infatti, ha lanciato un primo allarme relativamente ai problemi di raffreddamento della power unit, già riscontrati la scorsa stagione e anche nei test di Montmelò pre Covid. L’ottimismo, comunque, non manca, per quanto anche la livrea total Black scelta per questioni anti razziali potrebbe influire sulle prestazioni, soprattutto da un punto di vista del raffreddamento dell’auto.

Subito dietro alle frecce d’argento, troviamo Red Bull. Il Gran Premio d’Austria è speciale per tanti motivi. Si tratta della gara di casa e, lo scorso anno, ha avuto un esito dolcissimo, con la vittoria di Max Verstappen negli ultimi giri su Charles Leclerc. L’olandese e Alexander Albon potranno contare su una vettura completamente aggiornata. In queste settimane, infatti, il team austriaco ha lavorato in Giappone insieme a Honda, per mettere a punto la power unit. Inoltre, poco prima del GP, Red Bull continuerà a implementare alcune impostazioni tecniche, come il nuovo fondo, già testato a Silverstone. La macchina è veloce e sicuramente potrà provare a tenere il passo della Mercedes.

Chi, purtroppo, sembra più indietro è Ferrari. La scuderia di Maranello, infatti, non nutre grandi speranze di successo nel Gran Premio d’Austria. Anzi, Mattia Binotto non ha usato mezzi termini per sottolineare come la vettura sia più lenta di quelle Mercedes e Red Bull. Questo a causa del fatto che in Austria arriverà una monoposto non aggiornata, bensì molto simile a quella del Montmelò. La cosa varrà per entrambi i gran premi, dove il Cavallino Rampante dovrà cercare di limitare al massimo i danni, nell’attesa degli aggiornamenti previsti a partire dalla gara successiva a quella del Red Bull Ring. Le uniche piccole novità riguarderanno la Power Unit e la trasmissione, che è stata irrobustita. Chi sperava che Binotto stesse imitando Wolff, cioè stesse bluffando, dovrà ricredersi, ma in pista tutto può succedere. Ah, tanti auguri Seb!

Gran Premio d’Austria, Ferrari costretta a rincorrere Mercedes e Red Bull
To Top