GP d’Austria
MotoGP News: ultime notizie sul Motomondiale

GP d’Austria, vince Dovizioso. Che paura per Rossi, quinto al traguardo

Il forlivese si prende la rivincita dopo l’addio annunciato a Ducati, vincendo il GP d’Austria davanti a Mir e Miller. Brutto incidente tra Morbidelli e Zarco, con la moto dell’italiano che schizza via davanti a Rossi e lo sfiora miracolosamente

La MotoGP è tornata in pista dopo il Gran Premio di Brno. Stavolta si è corso sul Red Bull Ring per il GP d’Austria. Una gara emozionante e, in un certo senso, anche preoccupante per lo sviluppo. Per fortuna, però, tutto è bene quel che finisce bene. Specialmente per la salute dei piloti, a causa del terribile incidente che ha coinvolto dopo 8 giri Franco Morbidelli e Johann Zarco. Ma andiamo per ordine. Al via, scatta benissimo Jack Miller, su Pramac, con Andrea Dovizioso all’immediato inseguimento. Buono lo scatto anche di Pol Espargarò e Valentino Rossi, da dodicesimo a nono dopo il primo giro. Pessima, invece, la partenza di Maverick Vinales, che per tutta la gara sarà in crisi con la moto, alla pari di Fabio Quartararo. Non a caso termineranno la corsa rispettivamente decimo e ottavo.

Il GP d’Austria, dunque, procede piuttosto scorrevole, con Dovizioso che tenta di prendersi la leadership, ma viene insidiato dalla KTM di Espargarò. Entrambi riescono a chiudere il gap con il fuggitivo Miller, mentre alle loro spalle si consuma la lotta per la quarta posizione tra Morbidelli e Zarco. All’ottavo giro succede l’incredibile. Il francese della Ducati affianca il centauro della Yamaha Petronas sul rettilineo che porta in curva 2. Quasi in staccata, però, il transalpino chiude la traiettoria all’italiano, tagliandogli la strada e toccando l’anteriore della moto alle sue spalle. I due finiscono rovinosamente a terra.

Niente di grave per entrambi, nonostante Morbidelli fosse piegato dolorante e il francese sia subito corso a chiedere scusa per l’accaduto. Il problema sono le due moto che schizzano via. La Petronas del pilota romano passa a grande velocità tra le due Yamaha ufficiali di Vinales e Rossi. Il Dottore, che stava percorrendo curva 2, è stato miracolosamente sfiorato dal bolide. Fosse stato qualche centimetro più avanti sarebbe stato colpito in pieno. Bandiera rossa e GP d’Austria che riprende solo una manciata di minuti più tardi.

Alla ripartenza, Miller riparte a fionda e cerca di fare la differenza. Dietro Oliveira e Pol Espargarò si eliminano a vicenda, dando strada libera al rimontante Alex Rins su Suzuki, che insieme a Mir risalgono nelle posizioni di testa. Bene anche Rossi che, superato lo choc, riesce a risalire fino alla sesta posizione. Davanti, Dovizioso prende e supera Miller, mettendosi al comando del GP d’Austria. Anche Rins supera l’australiano, ma al momento di salire in prima posizione, scivola e finisce nella ghiaia. Ne approfittano Mir, che si mette in seconda posizione dopo aver superato a sua volta Miller, e Rossi, che rimonterà fino alla quinta piazza.

Dovizioso, dunque, vince il GP d’Austria, allontanando le critiche dopo l’annuncio di addio alla Ducati e riaprendo il Motomondiale, a meno 11 da Quartararo . Alle sue spalle completano il podio Mir, su Suzuki, e Miller, su Ducati. Quarto chiude Brad Binder su KTM, mentre Nakagami non riesce a scavalcare Rossi in quinta posizione, finendo al sesto posto. Si rivede anche Petrucci, che porta la sua Desmosedici al settimo posto.

GP d’Austria, vince Dovizioso. Che paura per Rossi, quinto al traguardo
To Top