GP di Cina
F1 News: ultime notizie sulla Formula 1

GP di Cina a rischio rinvio. Il calendario 2021 rischia altre modifiche

Dopo Melbourne è in forse anche la gara sul circuito di Shangai. Gli organizzatori hanno già chiesto il rinvio dell’evento a fine anno. Imola torna a sognare

Anno nuovo vita nuova! O meglio, di solito si dice così ogni qual volta si brinda a Capodanno, nella speranza che i 365 giorni successivi siano migliori di quelli appena trascorsi. Il 2020 è stato un anno travagliato per tutti i settori, compresi quelli sportivi. Specialmente Formula 1 e MotoGP. In entrambi i casi, infatti, non è stato possibile seguire il canonico calendario con i Gran Premi da disputarsi in giro per tutto il mondo. Ci si è limitati, praticamente, a gare solo in Europa, dove la pandemia da Coronavirus è rimasta leggermente più sotto controllo che in altri paesi, USA su tutti. Quest’anno le prospettive erano molto più rosee. Liberty Media, addirittura, aveva stilato un calendario composto da 23 Gran Premi, a partire dal 21 marzo. Ma il Covid-19 non molla e dopo Melbourne anche il GP di Cina è a serio rischio.

Certamente non si tratta di cancellazione, almeno per ora, come è avvenuto lo scorso anno. Qui si parla di rinvii, nello specifico a fine stagione. Ricordiamo che il GP di Cina è attualmente programmato per il weekend dell’11 aprile 2021. Quello di Shangai è uno degli appuntamenti più attesi dell’anno per il circus. Specialmente per l’enorme affluenza di pubblico che di solito si reca a vedere la gara dal vivo. Certo, quest’anno sarebbe difficile aprire l’autodromo anche ai tifosi, ma con l’eventuale spostamento dell’evento a fine stagione la cosa si renderebbe più fattibile. Sono stati gli stessi organizzatori del GP, ai microfoni di Motorsport.com, ad annunciare di aver già presentato la proposta di rinvio dell’evento ai vertici della Formula 1:

“Siamo stati in contatto con gli organizzatori della Formula 1 quasi ogni settimana e nonostante il calendario sia già stato pubblicato credo che sia molto difficile che la gara possa svolgersi regolarmente ad aprile. Il nostro desiderio è di poter posticipare l’evento nella seconda metà del 2021 ed abbiamo già inoltrato una formale richiesta”.

Se davvero il GP di Cina dovesse subire un rinvio a fine stagione, nel calendario si libererebbe anche un secondo slot ad aprile. Questo a causa del fatto che il Gran Premio del Vietnam, previsto per il 25 del mese, non andrà in scena nemmeno nel 2021 per questioni extra-pista. Un’occasione, dunque, per sognare un clamoroso bis dopo il 2020 per alcuni circuiti altrimenti fuori dal prossimo mondiale di F1. Tra questi, ovviamente, c’è anche Imola, che piace molto ai piloti, e che si è già detta disponibile a riospitare i bolidi a quattro ruote. Occhio, però, anche a Portimao, che tanto ha dato spettacolo nell’edizione 2020. Aggiornamenti sono previsti nelle prossime settimane.

GP di Cina a rischio rinvio. Il calendario 2021 rischia altre modifiche
To Top