DutchGP Verstappen 2021
Senza categoria

DutchGP, trionfa Verstappen. Mercedes in confusione. Quinto Leclerc

L’olandese vince il Gran Premio di casa davanti ad Hamilton e Bottas. Errate le strategie del muretto tedesco, con il finlandese che rischia di rubare al campione del mondo in carica il punto addizionale per il giro veloce. Alonso beffa Sainz all’ultimo giro

Una gara tesa come una corda di violino, anche se di sorpassi davanti se ne sono visti pochi. Alla fine di una partita a scacchi al cardiopalma Max Verstappen trionfa nel DutchGP, battendo Hamilton, applaudito dalla marea orange a fine gara, e riprendendosi la vetta del mondiale. Ma andiamo con ordine. Al via scattano senza cambiare le posizioni i due rivali per il mondiale e Bottas, mentre dietro c’è un valzer di contatti che vede protagoniste sia le due Alpine tra loro che Antonio Giovinazzi, partito settimo e molto sfortunato in corsa: chiuderà 14esimo. Si accende subito il duello tra Ocon e Alonso, autore di una partenza davvero strepitosa. Scattano dalla pit-lane, invece, Sergio Perez e Latifi.

Proprio il messicano della Red Bull sarà costretto a rifermarsi quasi subito, nonostante le gomme dure, per uno spiattellamento a inizio Gran Premio, ma la rimonta sarà importante. Perez, infatti, chiuderà alle spalle di Sainz in ottava piazza, aggiudicandosi il titolo di MVP del DutchGP. Davanti Verstappen prende subito spazio su Hamilton, che non molla il colpo e prova a rimanere nella finestra dell’olandese, trascinandosi dietro Bottas. Gasly, quarto, riesce ad allungare sulle due Ferrari, specie quella di Sainz, mentre Leclerc limita i danni e proverà a dare tutto dopo il pit-stop. Soste che iniziano piuttosto presto nelle retrovie, mentre davanti si aspetta un po’ di più.

A rompere gli indugi è Hamilton, che passa a gomme medie e si rimette a caccia di Verstappen, che si ferma il giro dopo per montare i medesimi pneumatici. La Mercedes, dunque, gioca il jolly Bottas. Il finlandese resta in pista e prova a rallentare la marcia della Red Bull, ma la difesa risulta inefficace. Hamilton è comunque più vicino e prova a mettere sotto pressione il rivale per il mondiale. Bottas viene richiamato ai box per montare gomme medie, ma quando stava rimettendosi nella finestra di Verstappen per stargli davanti dopo il secondo stop, incappa nel testacoda di Vettel, che lo fa retrocedere nuovamente a oltre 25 secondi di gap.

Mercedes entra in confusione e fa rientrare Hamilton per la seconda sosta troppo presto. Gomme medie e traffico non permettono all’inglese di sfruttare il giro di uscita, mentre Verstappen rientra subito dopo per montare gomma hard. La frittata è fatta, ma la beffa nel DutchGP è dietro l’angolo, con Bottas che viene fermato nuovamente per montare pneumatici soft. Il finlandese rientra e, nonostante gli inviti a rallentare, realizza il giro record a 2 tornate dal termine, levando il punto addizionale al compagno di scuderia. Hamilton, quindi, rientra ai box e all’ultimo passaggio con gomme morbide mette a segno il giro record, riprendendosi il punto. Vince Verstappen davanti alle due Frecce d’Argento. Quarto Gasly, quinto Leclerc. Alonso beffa all’ultimo giro Sainz per la sesta piazza. In zona punti anche Ocon, nono, e Norris, decimo.

DutchGP, trionfa Verstappen. Mercedes in confusione. Quinto Leclerc
To Top