MotoGP News: ultime notizie sul Motomondiale

Ducati, Petrucci giù dalla torre. Salta anche Motegi dal calendario 2020

Il team italiano sembra aver preso la sua decisione. Il futuro del Petrux sarà lontano da Borgo Panigale,. La coppia 2021 sarà Dovizioso-Miller. Intanto, cancellato anche il GP di Giappone

Nonostante la pandemia da Coronavirus continui a imperversare, la MotoGP si prepara a ripartire. Il calendario sta per essere ufficializzato, ma intanto un altro circuito è stato tagliato fuori. Si tratta di Motegi. Il Gran Premio di Giappone, infatti, non sarà disputato, in quanto si potrà andare fuori Europa solo da metà novembre. Troppo tardi per correre in terra nipponica. Ma non sono solo i circuiti ad essere messi alla porta. Lo sono anche i piloti. Tra questi, probabilmente, ci sarà Danilo Petrucci in Ducati.

Il team di Borgo Panigale, infatti, ha ufficializzato l’arrivo di Jack Miller dalla scuderia cliente Pramac. Questo, ovviamente, dal 2021. Il problema è che una delle due selle dovrà essere liberata entro il prossimo anno. Ducati, dunque, deve scegliere chi buttare giù dalla torre. La scelta, come facile immaginare, dovrebbe ricadere su Petrucci. Privarsi del vice campione del mondo in carica sarebbe delittuoso e significherebbe, forse, un passo indietro nella competitività nel prossimo motomondiale.

C’è da dire, però, che l’accordo tra Ducati e Desmo Dovi non è ancora stato trovato. Si lavora alacremente per il rinnovo e le distanze non sembrano più incolmabili. Dunque, Petrucci sembra destinato a cambiare casacca, per quanto ci si sarebbe aspettati la decisione dopo alcune gare, magari ad agosto. Lo staff del Petrux, infatti, si è detto sorpreso delle tempistiche con cui Ducati starebbe per scaricare il centauro di Terni. Su tutti il suo manager, Alberto Vergani, che ha Sky Sport ha dichiarato:

“Siamo in totale attesa. I due piloti cardine del marcato per noi sono Andrea Dovizioso e Andrea Iannone. Al 99,9 % Dovizioso confermerà il proprio posto. Penso sia impossibile che non trovi l’accordo trattandosi solo di una questione economica. Noi al momento siamo fuori dalla MotoGP; l’unica sella libera potrebbe essere forse in Aprilia se Iannone dovesse avere una risposta negativa dal ricorso. La Ducati per tenerci in famiglia ci propone la Superbike dove Danilo non vorrebbe andare perché lo ritiene prematuro. Ma lì ci sono anche altre Case che si sono fatte avanti visto l’evento sorprendente”

Petrucci, dunque, sembra ormai lontano dalla Ducati, come da sua ammissione:

“La Ducati ha deciso di non continuare il nostro rapporto. È chiaro che dispiace, ma il mio obiettivo è rimanere in MotoGP. Solo un anno fa vincevo, quindi vorrei continuare a vincere ancora. Li ringrazio per l’esperienza, c’è ancora quest’anno in cui possiamo toglierci delle soddisfazioni, quindi sono fiducioso e spero che cominci presto”.

Nulla di ufficiale ma di ufficioso sì. Per l’italiano, però, potrebbero aprirsi presto altre strade. Sia nel motomondiale, dove c’è Aprilia pronta ad accaparrarsi le prestazioni del ternano in caso di squalifica confermata di Iannone. Sia in Superbike, per quanto Petrux vorrebbe completare prima il suo percorso in MotoGP, anche senza la Ducati.

Ducati, Petrucci giù dalla torre. Salta anche Motegi dal calendario 2020
To Top