Ammonizioni GP d’Austria 2021
MotoGP News: ultime notizie sul Motomondiale

Ammonizioni e avvisi sull’abbigliamento, novità in arrivo in Austria

Nuove tipologie di warning verranno segnalate ai piloti attraverso i dashboard delle MotoGP, per evitare comportamenti scorretti in pista e nuovi casi come quelli di Quartararo in Catalogna

La MotoGP non si ferma ed è pronta a tornare in pista nel weekend. Dopo il GP di Stiria vinto dal rookie Jorge Martin, il Motomondiale torna sul Red Bull Ring per il round dell’Austria. Ci si aspetta una rinascita dei ducatisti, rimasti delusi la scorsa settimana dopo la caduta di Jack Miller, quando era in lotta per il podio, e l’undicesimo posto di Pecco Bagnaia, condizionato dal cambio gomme dopo la bandiera rossa per l’incidente di Pedrosa e Savadori. Chi, invece, vuole continuare a fare punti per allungare in classifica piloti è Fabio Quartararo, che nonostante le difficoltà della Yamaha sul tracciato austriaco, è riuscito a conquistare un podio che vale oro. Nel frattempo, però, arrivano grandi novità per quel che riguarda il regolamento. Si tratta di nuovi warning, come le ammonizioni e gli avvisi sull’abbigliamento.

Entrambe le comunicazioni arriveranno sui dashboard delle MotoGP, direttamente dalla Direzione gara ai piloti, grazie a dei nuovi segnali che verranno installati sui bolidi a partire dal GP d’Austria. Il primo riguarda l’abbigliamento del corridore, per evitare casi come quello di Fabio Quartararo nel GP della Catalogna. Come funziona è stato spiegato dal direttore del Motomondiale, Mike Webb:

“Da adesso in poi avremo un segnale sul dashboard con cui possiamo segnalare il problema e chiedere al pilota di intervenire repentinamente. In caso contrario, sarà costretto a rientrare ai box. Ma non è detto che ce ne sia bisogno”.

Per quanto riguarda le ammonizioni, invece, si tratta di una tipologia di comunicazione simile a quella calcistica. Se il pilota in gara dovesse comportarsi in maniera poco corretta, verrà avvisato direttamente attraverso il dashboard della propria moto con un segnale apposito, in modo tale da poter evitare eventuali recidive durante il Gran Premio. Qualora il centauro dovesse continuare nei propri atteggiamenti scorretti andrà in contro ad una penalità più o meno grave:

“A volte un pilota può avere un comportamento inadeguato, al limite del regolamento, ma che potrebbe essere semplicemente il frutto di una distrazione o di un errore. Ecco perché i Commissari di gara vogliono poter disporre di un segnale di avvertimento con cui si informa il pilota di essere una sorta di osservato speciale nel caso in cui si rivelasse recidivo. Sostanzialmente il segnale di warning dice al pilota che ciò che sta facendo non ci piace, se continua così gli verrà comminata una penalizzazione”.

Ammonizioni e warning sull’abbigliamento erano già stati messi a punto dalla direzione del Motomondiale da qualche mese, ma era necessario adeguare i dashboard delle MotoGP, cosa che, grazie anche alla pausa estiva piuttosto lunga, è finalmente avvenuta. Dal GP d’Austria, quindi, niente più scorrettezze ammesse.

Ammonizioni e avvisi sull’abbigliamento, novità in arrivo in Austria
To Top